VADO A SCUOLA

Paese di produzione: Francia, Cina, Sudafrica, Colombia
Anno: 2013
Durata: 77 minuti
Genere: Animazione
Sceneggiatura: Pascal Plisson e Marie-Claire Javoy
Casa di produzione: Winds, Ymagis, Wild Bunch, Hérodiade Films con la partecipazione di OCS con il patrocinio dell’UNESCO e Aide et Action
Fotografia: Pascal Plisson e Simon Watel
Montaggio: Sarah Anderson e Sylvie Lager
Musiche: Laurent Ferlet

Sinossi

Dalla savana del Kenia ai sentieri che solca[1]no la catena dell’Atlante in Marocco; dall’altopiano della Patagonia al calore dell’India meridionale seguiamo Jackson, Zahira, Carlito e Samuel, quattro bambini con il desiderio di istruirsi. Per soddisfare questo desiderio (e come milioni di loro coetanei nel mondo) affrontano, nella maggioranza dei casi quotidianamente, percorsi lunghissimi e spesso pericolosi. Ognuno di loro ha un sogno di emancipazione che nessun ostacolo può frena[1]re. Jackson 10 anni, percorre, mattina e sera con la sorellina, quindici chilometri in mezzo alla savana e agli animali selvaggi; Zahira 11 anni, che percorre una giornata di faticoso cammino per raggiungere la scuola in cui resterà per la settimana, con le sue due amiche. Samuel, 11 anni, ogni giorno viaggia in India per otto chilometri, anche se non ha l’uso delle gambe, spinto nella sua carrozzina dai due fratelli minori e Carlito, 11 anni, attraversa le pianure della Patagonia per oltre venticinque chilometri, portando con se la sua sorellina.

L’AUTORE

Pascal Plisson proviene da una famiglia borghese dell’ovest di Parigi. Ha interrotto gli studi all’età di 15 anni per viaggiare e lavorare. Divenuto cacciatore alpino, poi tracker in Val d’Isère, all’inizio degli anni ‘80, realizza riprese per i turisti durante le loro gite in montagna, imparando così ad utilizzare la telecamera. È un regista autodidatta, che ha iniziato la sua carriera nel 1984 realizzando servizi sportivi dedicati al polo, in America per diverse reti televisive. Nel 1994 passa al 16mm e si specializza in documentari dedicati a uomini che vivono in condizioni estreme e realizza dei documentari Les Routiers de Sibérie, Siberia terre de la sete, Australia 50° di solitudine… Dal 1997 si è specializzato nella realizzazione di documentari sull’Africa che ha esplorato per molti anni. Ha vissuto in particolare per diversi anni in Kenya e Tanzania dove ha diretto film per National Geographic, BBC e Canal +. Nel 2003 si fa conoscere al grande pubblico dirigendo il suo primo lungometraggio dedica[1]to ai guerrieri Massai Masai, i guerrieri della pioggia. Successivamente gira un nuovo documentario per la televisione, Les mystères de Clipperton, che segue un’équipe di ricercatori francesi in un massiccio corallino nel mezzo del Pacifico Il suo secondo lungometraggio è anche quello della consacrazione: Sur le Chemin de l’Ecole è un film corale che accompagna quattro bambini provenienti da India, Kenya, Marocco e Argentina, alle prese ogni giorno con molteplici insidie sulla lunga e faticosa strada per raggiungere la scuola. Il film ha ottenuto sia un successo di critica unanime sia un successo nelle sale con oltre 1,2 milioni di spettatori in Francia. Nel 2015 Plisson torna in sala con Le Grand Jour, un nuovo documentario sull’educazione su quattro adolescenti che si preparano per una sfida accademica o sportiva: una gara di matematica per un adolescente indiano, un incontro di boxe per un giovane cubano, un’audizione per un contorsionista dalla Mongolia e un esame per aspirante ranger in Uganda. Oltre alla sua carriera di regista, ha co-firmato nel 2009 la sceneggiatura del film Safari di Olivier Baroux. Pascal Plisson è ambasciatore dell’Aide et Action movimento internazionale per che promuove l’accesso all’istruzion tutti attraverso la cooperazione, l’empowerment e lo sviluppo delle competenze delle popolazioni locali.

Trailer:


Sezione Download

< Indietro